DOPPIO SPETTACOLO A ROMA, VINCONO MONCELLI E l'ITALIA THUNDER

boxe news

Panoramica europea
Interviste
Libri di Boxe
DOPPIO SPETTACOLO A ROMA, VINCONO MONCELLI E l'ITALIA THUNDER

Una manifestazione pugilistica per tutti i gusti quella andata in scena al PalaVespucci di Roma grazie all'impegno della "Buccioni Boxing Team" in simbiosi con la Federazione Pugilistica Italiana. I fortunati presenti al PalaVespucci hanno potuto assistere a due manifestazioni di livello in una, occasione a memoria unica.

 

In prima serata l'Italia Thunder si aggiudica l'andata dei quarti di finale delle Worl Series superando il team ospite dei Colombia Heroicos per tre match vinti a due. Un buon contorno professionistico introduce il  main event nel quale Felice Moncelli (+17 -4 =1, 5 ko) è preferito di stretta misura ad Adriano Nicchi (+24 -6 =2, 11 ko) dopo dodici round che non hanno deluso le attese. Il pugliese stanziato a Pomezia sotto la guida del maestro D'Alessandri può indossare così la fino a ieri vacante cintura Internazionale WBC dei superwelter. 

 

foto di Renata Romagnoli, segue fotoservizio completo

 

Un combattimento, quello principale, vissuto su una trama prevedibile nello scenario ma non nel risultato: Moncelli alla costante ricerca del contatto ravvicinato e Nicchi sfuggente e allo stesso tempo insidioso nei colpi di incontro. Ha la meglio nelle preferenze dei giudici la maggiore consistenza di Moncelli, uscita prepotentemente nel corso di una decima ripresa nella quale l'altro è sull'orlo del ko. Un successo deciso nell'ultimo quarto di gara, in precedenza i cartellini ufficiali (annunciati come da regolamento WBC) vedevano, infatti, i contendenti con le stesse probabilità di vittoria (38-38 dopo i primi quattro round per i tre giudici, 77-75, 75-77, 76-76 dopo l'ottava frazione).

 

Uno strepitoso ultimo round tutto cuore da la conferma a Nicchi di essere, a trentasette anni, ancora un pugile di alto profilo ma non basta a ribaltare il punteggio dei tre giudici. Il ring announcer Valerio Lamanna annuncia il verdetto a maggioranza, anche se a fari spenti un ulteriore revisione dei cartellini tramuterà il tutto in decisione unanime, ma poco cambia nel computo finale di un match appassionante quanto leale.

 

SOTTOCLOU - Il contorno allestito dalla BBT scalda la platea con uno scoppiettante avvio. Il super-leggero Luca Papola (+2 -0, 1 ko) è centrato da un destro di incontro di Lasha Ardolteli (+0 -3) e finisce al tappeto, non basterà a smorzare un arrembaggio del pugile del maestro Tazza terminato nel corso del quarto round con il crollo del georgiano residente a Roma. Vittoria netta ma non entusiasma per l'italo-svizzero Davide Faraci (+4 -0, 2 ko) di fronte al sempre bravo ungherese Jozsef Racz (+7 -16 =1, 2 ko).

 

Il marchigiano Glauco Cappella (+3 -7) non conosce passi indietro e chiude spesso l'avversario alle corde, tuttavia i colpi di prima intenzione del talentuoso Mauro Forte (+6 -0 =1, 1 ko) provengono da ogni direzione giungendo il più delle volte a bersaglio, match vivace terminato con la settima vittoria in carriera per il superpiuma romano.

Nell' off-tv, a fine serata, in scena i massimi-leggeri con le vittorie dei pugli di casa. Luca D’Ortenzi (+5 -0, 1 ko) supera il lituano residente a Napoli Semen Levin (+3 -1, 1 ko) mentre Gabriele Guainella (+2 -0) si impone sul campano Christian Scognamiglio (+1 -1).

 

WORLD SERIES - Successo stretto per l' Italia Thunder che dovrà ora giocarsi il pass per le semifinali il 19 maggio in Colombia. Era in realtà iniziata nel peggiore dei modi con l'infortunio alla mano di Federico Serra che ci ha, di fatto, privato del match con il forte Martinèz Yurberjen. Ristabilisce l'equilibrio l'ottima prova di Francesco Grandelli, attivo per tutti i cinque round disputati con John Martinèz. Vittoria ancor più netta per Sebastian Mendizabal, rotonda se non fosse per il richiamo subito, il colombiano Rico Parbon Brayam è atleta pericoloso ma l'allievo di Agnuzzi non gli concede riferimenti e lo anticipa grazie a maggior tempismo ed eplosività.

 

L'ucraino Dmytro Mytrofanov è una macchina da colpi sempre in pressione ma il colombiano Jorge Vivas risponde con la dinamite nei guantoni, match emozionante assegnato con verdetto controverso allo "straniero" dell' Italia Thunder. Conclude la sfida la sconfitta di Emin Ettesami, il pugile umbro, chiamato in sostituzione dell'infortunato Russo, nulla ha potuto di fronte al forte Julio Deivis.

 

Una serata sicuramente memorabile, ripresa quasi interamente dalle telecamere di SportItalia, come previsto recente accordo siglato dall'emittente e la Fpi con l'obiettivo di rilanciare il pugilato. Al prossimo appuntamento.

 


RISULTATI :


Professionisti :

 

Titolo Internazionale WBC Superwelter

Felice Moncelli (69,850 Kg) b Adriano Nicchi (68,900 Kg) UD (115-113, 116-113, 115-114)

 

Davide Faraci (80,5 Kg) b Jozsef Racz (81,2 Kg) PTS 6R

Luca Papola (65,7 Kg) b Lasha Ardolteli (66 Kg) KO 2'01" 4R

Mauro Forte (59 Kg) b Glauco Cappella (60, 9 Kg) PTS 6R

Luca D’Ortenzi (91,5 Kg) b Semen Levin (88,8 Kg) PTS 4R

Gabriele Guainella (90,4 Kg) b Christian Scognamiglio (95,8 Kg) PTS 4R

 

 

World Series :

Italia Thunder b Colombia Heroicos 3-2

 

Martinèz Yurberjen (48,5 Kg) b Federico Serra (49,4 Kg) RSCI 1R

Francesco Grandelli (55,8 Kg) b John Martinèz (55,5 Kg) UD (49-46, 48-47, 48-47)

Sebastian Mendizabal (63,9 Kg) b Rico Parbon Brayam (63,3 Kg) UD (49-45, 49-45, 49-45)

Dmytro Mytrofanov (74,4 Kg) b Jorge Vivas (74,5 Kg) SD (46-49, 48-47, 48-47)

Julio Deivis (89,2 Kg) b Emin Ettesami(87,1 Kg) UD (50-45, 50, 45, 50-45)

Stefano Fantogini
14/05/2017 – 03.01