Alvarez batte Chavez jr in un match piatto

boxe news

Panoramica europea
Interviste
Libri di Boxe
Alvarez batte Chavez jr in un match piatto

Vittoria ieri notte dalla T-Mobile Arena di Las Vegas per Saul Alvarez (+49 -1 =1, 34ko) dopo un match ad una dimensione contro Julio Cesar Chavez jr (+50 -3 =1, 32ko). L'unico brivido di un incontro piatto si è avuto quando alla fine Golovkin è salito sul ring ed hanno annunciato il loro match per il 16 settembre. Ieri due pugili di categorie differenti si sono affrontati per il business: uno che detta le condizioni sempre, dall'alto di un fortissimo impatto mediatico e potere manageriale; l'altro che mostra le sue qualità migliori a seguito di sacrifici inumani e che ha già evidenziaato limiti palesi.

 

Nelle settimane precedenti il match c' era stato qualche commentatore che aveva avanzato la realistica ipotesi che Chavez jr non sarebbe riuscito a fare il peso, o che perlomeno sarebbe rientrato nel libraggio pattuito dopo aver pagato un prezzo troppo elevato. Già durante le operazioni di peso il suo volto scavato ed il fisico tirato avevano richiamato alla mente tanti altri weight-in pesanti, ed anche nelle fasi di presentazione dell'incontro le inquadrature del volto di Chavez jr lasciavano trasparire l'idea che il recupero del dopo pesata non lo avesse aiutato eccessivamente.

 

Julio jr ha cercato in qualche modo nei primi minuti di contesa di sfruttare in particolare la propria altezza, mettendo da parte il fuoco che caratterizza il rispettivo modo di combattere. Il suo buon uso del jab e dei colpi lunghi non ha impedito però troppo a lungo ad Alvarez di chiudere le distanze e di scendere sul terreno che aspettavano tutti gli spettatori. Indubbiamente è veramente uno spettacolo per gli occhi vedere il modo in cui, entrambi, lavorano per linee interne: possono piacere o meno, ma il modo di portare alcuni colpi, in particolare il montante al corpo/viso ed il gancio sinistro al fegato, dovrebbero essere mostrati nelle palestre di tutto il mondo.

 

Alla metà di secondo round qualche scontro ravvicinato c'è stato, e si è notato da subito che proprio come aveva indicato qualche osservatore alla vigilia i colpi al corpo di Alvarez sembravano un po' indigesti per l'avversario. Dopo il primo quarto di match è sembrato chiaro che Alvarez avesse una marcia in più, ma è risultato altrettanto sorprendente la capacità (già ampiamente riconosciuta) di Chavez jr a questi libraggi di rimanere saldamente sulle proprie gambe anche durante le tempeste più violente.

E qui è doverosa una parentesi: la piega del match è stata chiara fin da subito, ma le qualità fisiche di Chavez jr sono da annoverare tra le più incredibili che un atleta possa avere. Si è sacrificato all'inverosimile per rientrare nel peso stabilito e come detto alla vigilia quasi da tutti ne ha risentito durante il match. Ma la sua capacità di sopportazione ha dell'incredibile, ed è giusto puntualizzarlo ancora una volta.

 

Il diretto destro di rimessa subito ad inizio di quinto round avrebbe mandato al tappeto molti pugili, ma dopo aver leggermente barcollato il pugile di Culiacan ha continuato la battaglia come se nulla fosse accaduto. Durante il sesto, probabilmente a seguito di un rallentamento di Alvarez, Chavez si è fatto maggiormente intraprendente spingendo più volte alle corde l'avversario ma senza mai ferire.

Qui il match si è fatto leggermente più vivace in alcuni momenti con qualche scambio in più, ma la supremazia del rosso messicano non è mai stata in dubbio.

 

Generalmente lo sconfitto è sempre stato un diesel, ma questa volta ci è sembrato subisse un po' troppo nella prima parte ed è stato poi solo poco più attivo nella seconda. Riflettendoci è stato forse Alvarez a dargli piu spazio, una volta afferrato che non sarebbe riuscito a metterlo giù. Ovviamente qui siamo solo sul piano delle illazioni, ma il match non ha offerto grossi spunti.

 

I fischi del pubblico quasi alla fine della decima ripresa definiscono chiaramente lo spettacolo offerto, a nostro modestissimo parere.

 

Il commento a fine undicesimo round da parte del telecronista di One Nation è reppresentativo dell'andamento di una match piatto: "Forse questo round è il primo per Chavez". Anche se in realtà poi i giudici hanno in conclusione dato un identico 120-108 per Alvarez sui loro cartellini, e noi siamo in accordo.

 

Foto tratta da fightnews.com

 

 

Ciro Incarnato
07/05/2017 – 09.51